25 giugno – Bivacco Bedin e vetta Le Cime

Il tempo non è mai molto, ogni uscita è frutto di un compromesso: mezza giornata per non far pesare il peso dell’assenza sulla famiglia e mezza giornata di lavoro per non trovare eccessivi problemi al rientro al lavoro.

Boral della Besausega

Così anche questa volta, con l’aggiunta della contemporaneità dello sciopero CGIL che mi risolve qualche problema, cerco le condizioni favorevoli per realizzare un giretto che avevo in mente da qualche settimana: una visita al bivacco Bedin 2210 m e alla vetta che lo sovrasta a nord, chiamata “Le cime” 2296 m. Si parte dalla località Pradimezzo 873m. Bel sentiero, ben segnato, che sale con continuità fin dall’inizio. A quota 1300 circa si trova in una radura una prima casera, poi la malga d’Ambrosogn (semidistrutta e diroccata) a quota 1700.

Si sale sempre, si arriva su un canalone che ho trovato pieno di neve (e nascondeva le tracce del sentiero) e poi via fino alla forcella Besausega che si passa leggermente a sinistra. Da qui 15 minuti di falsopiano sul limite del burrone che si getta sulla Boral della Besausega e si arriva al Bivacco Bedin 2210m. Altri 15 minuti e si raggiunge la vetta “Le Cime” a 2296m, dalla quale si gode di un ottimo panorama.

Dopo essermi goduto del panorama, qualche autoscatto, alle 8,15 ho cominciato la discesa, tornando al punto di partenza alle 10,15. Che dire …. per chi ha gamba è un itinerario da consigliare !

Prossimamente inserirò la relazione completa su www.passeggiando.it.

Alla prossima , ciao !!!

Questa voce è stata pubblicata in Pale di San Martino. Contrassegna il permalink.

1 risposta a 25 giugno – Bivacco Bedin e vetta Le Cime

  1. MARIO MUNARI scrive:

    Grazie infiniteper la precisa e bellissima descrizione dell’escursione. Complimenti.
    Abtando lontano ( prov di vr) pensavo di fermarmi a dormire per una nette al bivacco, in questa circostanza avrei bisogno di conoscere se il bivacco è provvisto di coperte e se nelle vicinanze si trovare dell’acqua. Grazie anticipate per la risposta. Ciao Mario Munari

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *