Al Castellazz, trekking del Cristo Pensante, invernale – 30 ottobre 2010

Ho un appuntamento a San Martino di Castrozza nella mattinata, quale migliore occasione per un giretto di fine ottobre …. in mezzo alla neve !!! Viene via anche Stefano, quindi scelgo un giro facile. Obiettivo tramonto dal Castellazz, o meglio conosciuto come Trekking del Cristo Pensante. So di certo che c’è molta neve, presumo almeno un metro, ma spero anche che la pista sia battuta, visto che ci sono stati alcuni giorni di tempo bellissimo e penso qualcuno sia passato in escursione.

Parcheggiamo a Passo Rolle, e così l’inizio è su pista battuta. Calziamo subito comunque le ciaspe, senza si affonderebbe per bene. Avanziamo,  per la salita scelgo la zona est, da dove d’estate salgono tutti. Il sentiero è battuto attorno al Castellazz, fino a dove poi comincia la salita. Da lì niente … che fare ? C’è ancora parecchio tempo. Proviamo, parto davanti per battere il sentiero e Stefano mi segue pian piano. Si va lenti. Di neve ce n’è tanta, fresca e anche ammucchiata, e si affonda che è un piacere :-(. Annaspando avanziamo molto lentamente lungo il sentiero. A un certo punto, a circa 150 m dalla vetta, non mi ci capisco più,  la neve è tantissima e affondo almeno di 80 cm. Decido di girare verso la zona più a ovest battuta dal sole, invece che rimanere in zona coperta, nella speranza lì ci sia meno neve. 50 m  (lunghi a passare) e arrivo dove battono i raggi del sole,  da qui vedo la vetta. Arriviamo dove si incrocia il sentiero che sale dal settore ovest del Castellazz. Sempre con molta fatica perchè si affonda molto guadagniamo la vetta. La giornata si è messa al meglio, c’è un bel cielo e il sole scalda bene, nonostante un vento freddo che spira.

Rimaniamo in vetta fino alle 17,40, quando il sole va a nascondersi dietro ad alcune nubi, privandoci dello spettacolo del tramonto.

Ora scendiamo dal settore ovest del Castellazz, decisamente migliore. Velocemente guadagniamo le piste da sci già battute dagli spazzaneve, e senza accendere le frontali perchè c’è ancora luce raggiungiamo alle 19 la macchina. Siamo davvero contenti, è stata una stupenda giornata.

Alla prossima !

Questa voce è stata pubblicata in Dolomiti, In mezzo alla neve, Inverno, Pale di San Martino, Tramonti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Al Castellazz, trekking del Cristo Pensante, invernale – 30 ottobre 2010

  1. Ciao, avete fatto proprio una bella ciaspolata, lo si capisce dalle belle foto pubblicate.
    Anche noi siamo appassionati di montagna, se vuoi vieni a dare un’ occhiata al nostro sito, puoi lasciare un commento nel guestbook. Si accede cliccando la pergamena “Il covo dei Raminghi” nella home page.
    Magari possiamo scambiarci i link e i banner?
    Sono anche io su fotocommunity.
    Ciao a presto.
    P.S. ora guardo tutto il tuo bel sito e magari ti manderò un commento.
    Ramingone.

  2. Scusa ma ho sbagliato a mettere il nostro indirizzo e-mail nel mio commento precedente…

  3. nikkogatto scrive:

    sono andato ancora sul casteller,l’ultima volta a settrmbre.
    A me il cristo pensamte è piaciuto,complimenti a chi avuto l’idea
    ciao e buona settimana

  4. LIDIA scrive:

    Belle le foto del Castellaz. E’ un giro che ho fatto tante volte ma purtroppo a me e alle mie amiche la statua del “Cristo Pensante” non è piaciuta. Questione di opinione! resta il fatto che l’itinerario, facile ed abbordabile a tutti, è veramente bello. Ciao….sei sempre forte!

Ogni commento è gradito!